Comunicati,  News - Secondo gli Altri

DORGALI, DISCARICA INERTI CHIUSA DA ANNI. DERIU (PD): “PROBLEMA GRAVE PER I LAVORATORI DEL SETTORE EDILE E PER L’AMBIENTE”

“La prolungata chiusura della discarica inerti è un grave problema per Dorgali, per tutti i lavoratori del settore edile e per un territorio che vanta uno straordinario patrimonio ambientale che fino a qualche anno fa non è stato interessato dal fenomeno delle discariche abusive”. È questo l’allarme lanciato da Roberto Deriu, consigliere regionale del Partito Democratico, in riferimento alla discarica per lo smaltimento dei rifiuti inerti, situata in località Campu Marinu a Dorgali, la cui chiusura avvenuta diversi anni fa è oggetto di una interrogazione rivolta all’Assessorato regionale della difesa dell’ambiente.

“Dorgali è un paese che conta centinaia di operatori del settore edile, tra imprese, lavoratori e piccoli artigiani – spiega Deriu –, che da qualche anno a questa parte sono costretti a conferire i rifiuti provenienti dal settore dell’edilizia in siti molto distanti, con un conseguente aumento dei costi per lo smaltimento. Tale aumento sta mettendo fortemente in difficoltà il settore”.

Ma non solo: “Non avere una discarica adatta in cui depositare i rifiuti inerti – prosegue il consigliere dem – comporta il fatto che molto spesso le macerie vengano scaricate abusivamente nel territorio, andando così ad impattare negativamente sul patrimonio ambientale dorgalese”. Una situazione che di fatto limita uno sviluppo sostenibile sia dal punto di vista economico che ambientale.

Con l’interrogazione presentata in queste ore alla Regione, l’esponente del PD chiede all’Assessore della difesa dell’ambiente: “Se sia a conoscenza della prolungata chiusura della discarica inerti a Dorgali e se intenda agire concretamente per risolvere l’annoso problema. È importante che questo tema venga affrontato senza perdere altro tempo – conclude Roberto Deriu –, al fine di tutelare tutti i lavoratori del settore edile e di salvaguardare il patrimonio ambientale dorgalese”.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.