Comunicati,  News - Secondo gli Altri

BIBLIOTECA SATTA E UNIVERSITÀ DI NUORO, DERIU (PD): “SUBITO LE FONDAZIONI”

“La Regione vigili affinché vengano rispettati i tempi e i modi prestabiliti dalla legge in merito alla costituzione delle Fondazioni Satta e Università di Nuoro, così da rendere subito operativi questi due importanti enti culturali della Sardegna nella loro nuova veste giuridica”. È questo il pensiero di Roberto Deriu, consigliere regionale del Partito Democratico, primo firmatario di una interrogazione e di una interpellanza (sottoscritte dal gruppo del PD ed altri consiglieri di centrosinistra) rivolte alla Giunta regionale in riferimento alla situazione dei due enti nuoresi in seguito agli ultimi avvenimenti.

Il Comune di Nuoro ha infatti presentato ricorso al Tar contro la Regione per le norme relative alla soppressione dei Consorzi Satta e UniNuoro dopo un decennio di commissariamento, e alla conseguente costituzione delle Fondazioni, con il sindaco Soddu che ha motivato l’azione legale con la tesi secondo la quale la Regione ha leso princìpi di leale collaborazione tra enti, equiordinazione e sussidiarietà. “L’ostruzionismo del Comune di Nuoro è infondato – spiega Deriu –. Si parla di equiordinazione, ma è proprio quello che prevede la norma regionale, in quanto le due fondazioni saranno amministrate da un CdA del quale faranno parte un rappresentante della Regione, il sindaco di Nuoro, la Provincia e i rappresentanti delle Università di Cagliari e Sassari. Tutti sullo stesso piano. Il territorio ha la necessità di dotarsi di due strutture così importanti come le Fondazioni, quindi avere una Biblioteca e una Università molto attrezzate di livello regionale. Ecco perché ora è fondamentale che vengano rispettati tutti i passaggi normativi”.

Secondo quanto previsto dalla legge, i commissari liquidatori, nominati dalla Giunta regionale, devono assicurare la continuità delle funzioni già svolte dai Consorzi e, entro sei mesi dalla data delle rispettive nomine, predisporre e trasmettere alla Regione gli atti contabili, finanziari, patrimoniali ricognitivi e liquidatori necessari alla fase di transizione. Motivo per cui, nell’interrogazione presentata alla Regione, Deriu chiede “quali azioni siano state finora compiute dalla Giunta regionale, dall’Amministrazione straordinaria della Provincia di Nuoro e dai Commissari liquidatori, per la liquidazione dei due Consorzi nuoresi e per la costituzione delle Fondazioni”.

Nell’interpellanza, invece, si chiede al presidente Solinas e alla sua Giunta “in che modo intendano vigilare sul rispetto dei tempi previsti dalla legge per la costituzione delle Fondazioni, e quali azioni intendano mettere in campo per tutelare la Regione dai ricorsi presentati dal Comune di Nuoro contro i provvedimenti di nomina dei Commissari liquidatori dei disciolti Consorzi”.

“Continueremo ad avere una forte attenzione sul tema – conclude Roberto Deriu –, affinché vengano rispettati modi e tempistiche per l’istituzione delle due nuove Fondazioni regionali interuniversitarie, con sede a Nuoro. Così da consegnare a tutto il territorio una nuova prospettiva, un nuovo orizzonte, anche attraverso una strategia culturale”.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.