Comunicati,  News - Secondo gli Altri

SARDEGNA ULTIMA PER NASCITE, DERIU (PD): “SERVONO INCENTIVI PER LE NUOVE FAMIGLIE, LA GIUNTA REGIONALE NON PUÒ PIÙ IGNORARE IL PROBLEMA”

Combattere il crollo della natalità e lo spopolamento con incentivi destinati alle nuove famiglie. È questo l’appello lanciato da Roberto Deriu, consigliere regionale del Partito democratico, che sollecita ancora una volta la giunta Solinas affinché si occupi concretamente del problema che attanaglia da troppo tempo la Sardegna.

“Il calo demografico sulla nostra Isola è continuo ed inesorabile – spiega il consigliere dem, da anni in prima linea per combattere lo spopolamento – e i numeri lo fotografano in maniera impietosa”. Secondo i dati Istat, infatti, la Sardegna registra il tasso più basso di natalità in Italia (5,1 nati per mille abitanti) ed è anche una delle regioni meno ‘motherfriendly’, cioè fra quelle che meno si impegnano a sostenere la maternità, come evidenziato dal rapporto di Save the Children che ogni anno include anche il cosiddetto ‘Indice delle Madri’. “La situazione è sempre più difficile, soprattutto negli ultimi mesi dell’anno si è particolarmente accentuata la variazione negativa delle nascite rispetto al 2019. A novembre il calo è del -8,2% e in quello di dicembre tocca addirittura – 10,3%. Ma nonostante ciò – aggiunge Deriu – la giunta Solinas non ha ancora messo in campo interventi a sostegno della natalità”.

Il consigliere regionale del Pd nel 2017 aveva messo nero su bianco una proposta di legge per combattere lo spopolamento sull’Isola: “Si era partiti da uno studio approfondito sul calo demografico nei 283 comuni sardi su 377 in cui la popolazione residente continuava a diminuire. Da lì era nata la proposta per incentivare un equilibrato sviluppo sociale, economico e produttivo, promuovendo la formazione di nuove famiglie attraverso interventi a sostegno della natalità”. Una svolta radicale, un investimento strategico e durevole. La proposta di legge, sottoscritta dai consiglieri regionali di Pd, LeU e Progressisti, è stata ripresentata nell’attuale legislatura ma giace da mesi presso la commissione sanità presieduta da Domenico Gallus.

“Senza una vera strategia, la Sardegna sarà costretta a vivere tutte le tragiche conseguenze e i costi sociali di un drastico e preoccupante ridimensionamento demografico, associato all’insostenibile invecchiamento della popolazione. Ecco perché – conclude Roberto Deriu – la Giunta regionale non può più ignorare questo fondamentale problema ma deve accelerare l’iter di approvazione della nostra proposta di legge, al fine di ridurre gli effetti devastanti, sia a livello economico che sociale, provocati dal crollo della natalità e dallo spopolamento”.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.