Comunicati,  News - Secondo gli Altri

CORONAVIRUS E CRISI SPETTACOLO, L’APPELLO DI DERIU: “SALVARE LA VOCAZIONE ARTISTICA E CULTURALE DEL NUORESE”

Sono stati i primi a doversi fermare in seguito all’emergenza sanitaria, probabilmente saranno anche gli ultimi a poter riprendere le loro attività. Il Coronavirus ha messo in ginocchio i lavoratori dello spettacolo (attori, registi, cantanti, coristi, musicisti ma anche impresari, tecnici del suono e delle luci), tra i settori maggiormente colpiti anche a Nuoro, luogo di mille fermenti civili, culturali, artistici e letterari.

“I lavoratori di questo settore hanno dovuto alzare bandiera bianca. Il loro fatturato si è di fatto azzerato, ma molti di essi continuano ad avere delle spese importanti da sostenere – denuncia il consigliere regionale del Partito Democratico Roberto Deriu -. Mi preme ricordare come il settore dello spettacolo, tra i principali veicoli di promozione del territorio, contribuisca in modo sostanziale allo sviluppo socio-culturale e all’indotto e crescita turistica. Concerti, festival, spettacoli teatrali o di danza, feste popolari e tradizionali sono uno dei principali biglietti da visita del nuorese, uno strumento di crescita culturale ed economica di cui beneficiano diversi altri settori produttivi e, di fatto, l’intera collettività. Ciò nonostante si tratta di una categoria non rappresentata e non tutelata, ecco perché non ci si deve dimenticare di loro”.

Interventi urgenti che il Gruppo Pd e Deriu in prima persona hanno chiesto alla Regione in tempi non sospetti, messi nero su bianco attraverso una lettera all’assessore Biancareddu del 20 marzo e una mozione presentata in Consiglio il 23 marzo in favore dell’informazione e della cultura in Sardegna, senza dimenticare l’iniziativa per la ripartenza dei cori della Sardegna. “Alcune misure sono state prese, ma riteniamo non siano sufficienti, a causa dell’estensione di periodo di crisi che riguarderà il settore in maniera più forte rispetto a molte altre categorie – prosegue Deriu -. Senza un aiuto da parte delle istituzioni, c’è il rischio concreto che molti di essi non riescano a superare questa fase di crisi economica. Il comparto dello spettacolo rappresenta un eccezionale patrimonio culturale per Nuoro, favorisce preziose occasioni di incontro, crescita individuale, e condivisione di passioni che coinvolgono e animano il nostro territorio in tutte le sue stagioni. Per questi motivi risulta indispensabile salvare il settore e tutti i suoi lavoratori, affinché venga preservata quella vocazione artistica e culturale che da sempre contraddistingue Nuoro e i suoi cittadini”, conclude Deriu.

Ripreso da:

Sardegnareporter.it: https://www.sardegnareporter.it/2020/05/coronavirus-e-crisi-spettacolo-lappello-di-deriu-salvare-la-vocazione-artistica-e-culturale-del-nuorese/321710/

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.